ARTICOLI DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
TUTTI GLI ARTICOLI DI OGGI
METEO.IT
BORSA ITALIANA
IL SANTO DEL GIORNO
13 December 2018 | Vai alla Prima Pagina
Dettaglio News
07/08/2018 - Vercelli Città - Economia
ESCLUSIVO: COLOSSO DELLA LOGISTICA FRANCESE VICINO AD AMAZON - Trattative avanzate con un player primario d'Oltralpe - Segnali chiari già da maggio scorso - Ma ora sarà necessaria una procedura ad evidenza pubblica
ESCLUSIVO: COLOSSO DELLA LOGISTICA FRANCESE VICINO AD AMAZON - Trattative avanzate con un player primario d'Oltralpe - Segnali chiari già da maggio scorso - Ma ora sarà necessaria una procedura ad evidenza pubblica
L'area vicina ad Amazon a Larizzate

Chi ha l’occhio allenato per queste cose non ha potuto fare a meno di notare che, in tarda serata, il Consiglio Comunale del 3 maggio scorso ha approvato una deliberazione molto particolare.

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=78607

Cos’è successo?

E’ successo che si è ripetuto quanto già fatto a luglio 2016 per l’area Pip Roggia Molinara.

Il Comune vende a 11 euro il metro quadro i terreni che ha acquistato dall’Asl a 14 euro (centesimo più, centesimo meno) negli anni precedenti.

E da allora si sono drizzate le antenne.

E bene abbiamo fatto.

In effetti è ormai noto al mercato che ci sia l’interesse di un colosso francese della logistica per acquistare tutto il resto della superficie disponibile, vicino ad Amazon.

Un’altra operazione da centinaia di migliaia di metri quadri.

***

Ma adesso le cose sono molto cambiate.

Perché – è la prima osservazione – la deliberazione con la quale il Comune ripete la vendita sottocosto dei terreni è stata votata con i soli 17 voti favorevoli della (allora) maggioranza.

Le Opposizioni non ci stanno più – pare, contando i voti: 11 contrari e 4 astenuti – a correre rischi per favorire immobiliaristi.

Perché chi ci guadagna di sicuro sono appunto gli immobiliaristi che acquistano i terreni senza gara ad evidenza pubblica.

Se, infatti, il Comune è proprio deciso a vendere sottocosto, almeno due devono essere i requisiti da rispettare e fare rispettare.

Il primo è mettere in atti una chiara e certa modalità di controllo dell’occupazione effettivamente garantita dall’acquirente agevolato.

In pratica: con Amazon si è detto qualcosa del genere.

L’immobiliarista lussemburghese compra i terreni a prezzo scontato, ma in compenso si impegna ad assicurare “tot” posti di lavoro.

Poi, tanto per incominciare, è chiaro che l’immobiliarista, in proprio, non assicura un bel niente, perché trasferisce il sedime ad Amazon.

Amazon, a sua volta, non si capisce bene chi la controlli (da questo punto di vista) e con quali strumenti: vanno a vedere all’Ufficio del Lavoro? Fanno vedere il Libro Matricola?

Si contano solo i posti a tempo indeterminato?

Si contano anche quelli reperiti mediante le Agenzie di Lavoro interinale?

Sono tutti punti interrogativi non risolti nell’ambito delle lettere scambiate in occasione dell’alienazione del terreno.

***

Il secondo requisito che oggi si dovrà rispettare: chi vorrà comprare i terreni dovrà invece almeno partecipare ad una Manifestazione di interesse e poi dare parametri certi in ordine al controllo futuro della effettiva rilevanza occupazionale dell’insediamento.

Ma soprattutto partecipare ad una gara ad evidenza pubblica per la scelta del Contraente della Pubblica Amministrazione: una gara, a questo punto, al rialzo, perché si dovrebbe partire da una base d’asta di 11 euro: poi magari qualcuno potrebbe offrire 12, altri 12,50 e via discorrendo.

***

La cosa sicura è che quella deliberazione del Consiglio Comunale, che cade proprio a maggio scorso, mentre da giugno si incomincia a sentire che ci sarebbe una grande impresa francese interessata, appare (di nuovo) come connotata da una tempistica veramente stupefacente: quasi fosse un segnale di “via libera” ai francesi.

A Palazzo Civico bocche cucite, per non dire asfaltate.

Ma le voci corrono: quindi è certo l’interesse di un grande player francese della logistica, ma non se ne sa ancora il nome.

Il maggiore attore del mercato d’Oltralpe è la Geodis, già da tempo operativa in altre sedi in Italia, ma nulla al momento autorizza a dire che si tratti proprio della controllata di SNCF Logistics.

La contiguità con Amazon per Geodis non sarebbe una novità, poiché a Castel San Giovanni hanno uno stabilimento nei pressi di quello del colosso di Seattle.


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
BiellaOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it
AGENDA - TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI IL SANTO DEL GIORNO BORSA ITALIANA METEO