ARTICOLI DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
TUTTI GLI ARTICOLI DI OGGI
METEO.IT
BORSA ITALIANA
IL SANTO DEL GIORNO
24 August 2019 | Vai alla Prima Pagina
Dettaglio News
14/11/2013 - Vercelli - Politica
VERCELLI - Assemblea Asl - I Sindaci, a Natale, preferiscono il cappone - Bocciato (341 no, 270 sì, molte astensioni) il piano di riorganizzazione aziendale di Federico Gallo - Per il no Lillo Bongiovanni, Andrea Corsaro, Alice Freschi
VERCELLI - Assemblea Asl - I Sindaci, a Natale, preferiscono il cappone - Bocciato (341 no, 270 sì, molte astensioni) il piano di riorganizzazione aziendale di Federico Gallo - Per il no Lillo Bongiovanni, Andrea Corsaro, Alice Freschi
Andrea Corsaro presiede i lavori

Aggiornamento venerdì 15 novembre – Prime luci dell’ alba

Mentre il Direttore Generale Gallo è ancora in  carica, si levano in volo inanellando sinistri volteggi sui cieli plumbei della politica scafati pennuti pronti a correre in soccorso dei vincitori.

Non appena si è consumata la vittoria di Lillo Bongiovanni e Davide Gilardino ai danni del “ lealista ” Luca Pedrale, ecco che Alberto Cortopassi si congratula con i suoi ( ritrovati ) pupilli e promette di gettare tutto il suo peso politico in Regione per fare definitivamente la festa al Direttore Generale.

Chi vivrà, vedrà.

                                                                             ***

 

(Giovedì 14 novembre, ore 21) - A Natale, si sa, la tradizione vuole che si porti in tavola il cappone.

E cosa aspettarsi, dai Sindaci di un territorio geloso delle proprie radici culturali e popolari, se non un richiamo forte proprio alla tradizione?

E se il Direttore Generale dell’Asl di Vercelli si chiama Gallo (Federico) non è colpa di nessuno, anche se certo qualcosa da obbiettare l’interessato l’avrà…

Ma andiamo con ordine.

Sappiamo che già la scorsa settimana l’Assemblea dei Sindaci dell’Asl di Vercelli si era conclusa con un nulla di fatto e con il rinvio alla riunione di oggi.

In discussione la proposta del Direttore Generale di adottare un nuovo Piano di riorganizzazione aziendale, mirato sostanzialmente a cercare tutte le possibili riduzioni di spesa.

Il parere dell’Assemblea (precisano dal fronte sconfitto) è obbligatorio, ma non vincolante, così con tutta probabilità la decisione di Gallo sarà ugualmente tenuta in considerazione dalla Regione, che è l’unico controllore dell’operato del Direttore Generale.

Resta il fatto che, a livello politico, la decisione di bocciare il piano di riorganizzazione aziendale, sia pur da portatori di voti “consultivi”, da parte della maggioranza dei Sindaci, che sono i rappresentanti della volontà popolare più vicini alla gente e sicuramente riconosciuti come portatori autentici degli interessi locali, non ha precedenti. E non potrà non generare ulteriori contraccolpi.

Ma vediamo come erano distribuite le “carte in tavola”.

Intanto, i “pesi” elettorali. I Sindaci dei Comuni interessati sono in totale 92, 45 dei Comuni del distretto valsesiano e 47 di quello vercellese.

Il computo delle “quote” elettorali spettanti a ciascun Comune (circa 1.100 in tutto) è ottenuto derivando dal numero di Consiglieri comunali. Così, ad esempio, se Vercelli ha 41 componenti il Consiglio, ha 41 quote elettorali; mentre se – sempre ad esempio – un altro Comune minore ne ha 11, ha 11 voti.

Le quote rappresentate oggi erano la grande maggioranza degli aventi diritto: più di 700.

Ed ecco come sono andate le cose in questi ultimi giorni e soprattutto in queste ultime ore.

Dell’Asl di Vercelli non fanno parte Comuni come Trino, Palazzolo, Saluggia, Crescentino (che sono con Casale o Chivasso), mentre all’opposto sono con Vercelli Comuni novaresi quali Romagnano Sesia e Prato Sesia.

Dalla scorsa settimana

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=51923

è incominciato un lavorio politico che ha sostanzialmente visto allearsi tutto il fronte della Sinistra con spezzoni del Pdl ora riuniti sotto le bandiere di Angelino Alfano: Davide Gilardino e Lillo Bongiovanni.

Il Pd notoriamente non approva una riorganizzazione aziendale che tolga autonomia al Distretto sanitario della Valsesia, che nella ipotesi di Gallo sarebbe assorbito da quello di Vercelli.

Una riduzione di autonomia che – strano a dirsi – vede d’accordo anche la Lega di Gianluca Buonanno.

Perché?

Forse perché così si rafforzerebbe il potere di attrazione di Novara su una Valsesia “semplice” appendice di Vercelli. Da una parte una “diminutio capitis”, dall’altra sarebbe come servire su un piatto d’argento ai fautori della annessione della Valsesia a Novara una Valle che – dal punto di vista sanitario – non avrebbe più  nessuna identità.

Ma ecco gli imprevisti: questo disegno non sta bene alle Signore “Prime cittadine” di Romagnano Sesia e Prato Sesia, che invece alla Valsesia unita e autonoma ci tengono e nemmeno – la sorpresa del giorno – al Sindaco di Borgosesia Alice Freschi, che vota contro Gallo insieme alla Colleghe dell’Alto Novarese.

Che Alice Freschi contraddica un ordine di scuderia di Buonanno, ma soprattutto del Consigliere regionale Paolo Tiramani, suo Consigliere delegato in Comune di Borgosesia è un fatto assolutamente rilevante.

La Freschi, del resto, anche se persona assai affabile, ha una spiccata personalità ed in questi giorni avrà raccolto molte opinioni al proposito in città.

Ma il gran lavorio delle diplomazie è soprattutto intervenuto nella Bassa, in Baraggia e nell’area Cigliano – Borgo d’Ale.

La lotta tra Lillo Bongiovanni e Davide Gilardino, da una parte, contro Luca Pedrale e Alberto Cortopassi, dall’altra, è ormai senza quartiere ed oggi è dilagata in campo sanitario.

Ma sabato prossimo, all’assemblea nazionale Pdl, si consumerà anche in quell’agone: Gilardino e Simone Boglietti Zaccone per Angelino Alfano mentre Cortopassi e Pedrale voteranno Silvio Berlusconi.

Lo sanno in pochi, ma anche Andrea Corsaro, Sindaco di Vercelli, fa parte (è il quinto vercellese) dell’Assemblea nazionale del Pdl.

A questo punto, ammesso che ci vada, è assai probabile che la sua scelta sia per Alfano.

Sempre che ci vada, cosa tutt’altro che certa.

Oggi pomeriggio, 14 novembre, poco prima della convocazione all’Asl, dopo giorni di contatti, riunione alle 16,30 in Amministrazione provinciale tra Pd e Alfaniani per tirare le somme.

Sorpresa nella sorpresa (oltre al parcheggio dell’auto, per una volta ok), la posizione di Corsaro: ha voltato le spalle a Gallo, alleandosi con Bongiovanni, che ora pare diventato il suo leader, forse proprio in virtù del legame diretto tra il Vice Sindaco di Asigliano e lo stesso Vice Premier.

Ma c’è chi sostiene anche che l’interpretazione sia forse più semplice: Corsaro non potrebbe soffrire Gallo per questioni di carattere. E chi conosce l’inquilino di Palazzo Civico non si sente di scartare a priori nemmeno questa tesi.

Nel filmato on line in home page, oltre a frizzanti spunti della discussione, anche una per una le dichiarazioni di voto di tutti i Sindaci presenti.

Furioso il Consigliere regionale Luca Pedrale, da sempre sponsor di Federico Gallo:”Per motivi politici alcuni Sindaci del Vercellese hanno votato contro il proprio Ospedale, il S.Andrea di Vercelli e contro la salute dei cittadini. E’ incredibile, dopo tutti i Servizi ed i Reparti che sono stati attivati in pochi mesi. Ad esempio, il nuovo “Hospice” al settimo piano del S.Andrea. Il nuovo reparto di Oculistica. Il ritorno della Facoltà di Medicina, con 5 tirocinii delle Lauree infermieristiche, propedeutico al ripristino integrale della Facoltà. La realizzazione di un grande parcheggio interno. La prossima apertura del Centro di Psichiatria in Via Bruzza. Inoltre tra 2012 e 2013 sono state ottenute dal Direttore 40 nuove assunzioni di personale sanitario. Sulla vendita delle cascine Asl e sul fatto che i fondi resteranno a Vercelli, è cronaca recente”.

Fine di riunione teso, ma non eccitato, fino a quando a Gallo non è venuto in mente di dire che il Piano sarebbe andato comunque in Regione così, ancorchè con il voto contrario (consultivo) dei Sindaci.

In risposta, il casino totale (i filmati sono in home page) e Lillo Bongiovanni che afferra il microfono per annunciare:”Sfiduceremo il Direttore Generale”.

Il dado è tratto.

BiellaOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it
AGENDA - TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI IL SANTO DEL GIORNO BORSA ITALIANA METEO